22 gennaio 2022

Acquistare un'auto ibrida: Vantaggi e Svantaggi

L'acquisto di un'auto ibrida sta diventando sempre più frequente. Ecco i vantaggi e gli svantaggi che si devono tenere in conto prima di effettuarlo.

Nelle nostre strade, così come nel resto degli altri Paesi continua ad aumentare la presenza delle auto ibride. Autovetture che rispetto a quelle tradizionali hanno sicuramente diversi vantaggi, ma anche alcuni svantaggi e godono anche di una serie di agevolazioni. Le auto ibride rappresentano una soluzione ecosostenibile essendo una via di mezzo tra quelle tradizionali e quelle completamente elettriche che sono le ultime ad essere arrivate sul mercato. Nel 2020 il loro impatto sul mercato è stato veramente importante e rispetto all'anno precedente il numero delle auto vendute è raddoppiato, arrivando a oltre 220mila immatricolazioni, grazie anche agli incentivi statali a disposizione, ai quali si sono inoltre aggiunti altri proposti dalle case automobilistiche e dai rivenditori e che hanno permesso di risparmiare cifre importanti al momento dell'acquisto dell'auto nuova.

Le auto ibride e il loro arrivo sul mercato

Questo tipo di autovetture sono a doppia alimentazione, con un motore termico abbinato ad uno elettrico e il loro arrivo sul mercato è un passo importante verso quello che sarà il futuro dell'auto, l'alimentazione al 100% elettrica. Una transizione che avrà bisogno almeno di altri 20 anni per essere completata, ma alla fine le auto con motori a combustione interna diverranno una vera e propria rarità sia sulle strade che nei saloni dei concessionari. Oggi la scelta di acquistare delle auto ibride risulta certamente conveniente, e questo non soltanto perché non diverranno "obsolete" nel giro di pochi anni, ma soprattutto per i vantaggi fiscali dei quali godono che comprendono anche quelli messi in campo dalle varie regioni che esentano questa tipologia di vetture dal pagamento della tassa di circolazione per alcuni anni.

Quale auto ibrida scegliere

In commercio esistono vari tipi di auto ibride, ma per tutte la base comune è quella del doppio motore, con quello tradizionale che viene affiancato da quello elettrico. In alcune di queste, le micro ibride, esiste soltanto il sistema di assistenza "elettrico", mentre le mild-hybrid sono i modelli nei quali il motore elettrico funziona come supporto per il motore termico, ma soltanto nella fase di decelerazione e con le basse velocità, in quanto la sua potenza non è sufficiente per lo spostamento del veicolo durante il movimento dell'auto alle alte velocità. L'ultimo tipo sono le ibride integrali, nelle quali il motore elettrico è sufficiente a spostare la vettura in modo autonomo, senza l'ausilio di quello termico. A questo tipo di vetture, che sono anche quelle maggiormente diffuse in Italia, appartengono due sotto tipi. Il primo è quello indicato comunemente come Full Hybrid, che permettono di ricaricare le batterie elettriche dell'auto recuperando, durante la marcia, l'energia cinetica creata dalle frenate, incamerandola. La capacità di queste auto è abbastanza limitata ed inoltre la ricarica in altri modi non è possibile. Le batterie delle Ibride Plug-in hanno la possibilità, invece, di poter ricaricarsi anche attaccandole con un apposito collegamento, ad una presa di corrente e questo conferisce un maggiore raggio di azione e la percorrenza di tragitti più lunghi. In alcuni modelli la scelta preferenziale è quella dell'utilizzo del motore elettrico, con il motore termico che viene tenuto soltanto di scorta.

I vantaggi e gli svantaggi delle auto ibride

Quando si compra un'auto ibrida si ottengono dei vantaggi che sono naturalmente abbinati a degli svantaggi, per cui prima dell'acquisto si devono verificare entrambe le situazioni e successivamente prendere la decisione. Ecco un elenco di entrambe le casistiche: · Rispetto alle auto elettriche il principale vantaggio delle ibride è rappresentato dalla loro maggiore efficienza energetica, caratteristica molto apprezzata soprattutto da chi deve circolare con l'auto nei centri urbani. Infatti le auto ibride hanno una migliore risposta per quanto riguarda l'accelerazione e anche un minor consumo di carburante. · Un altro vantaggio che indirizza gli automobilisti verso l'acquisto delle auto ibride è quello relativo agli incentivi messi sul piatto dal governo e dalle varie regioni. Grazie all'Ecobonus, acquistando un'auto di questo tipo si ottengono degli sconti da 4mila a 6mila Euro. Lo sconto viene concesso per il minore inquinamento ambientale garantito dalle auto ibride rispetto a quelle alimentate a benzina o gasolio. · Con le auto ibride si ottiene un altro risparmio per quanto riguarda il bollo auto. Infatti varie regioni italiane hanno inserito questa tipologia di vetture tra quelle che possono ottenere l'esenzione da questa tassa annuale. Una esenzione che si protrae, secondo le varie regioni, dai 3 ai 5 anni. Alcune regioni hanno riservato alle auto ibride uno sconto consistente sull'importo del bollo. · L'ultimo vantaggio delle auto ibride è quello che riguarda la possibilità di circolare anche in alcuni momenti nei quali viene imposto dalle amministrazioni comunali lo stop al traffico a causa dell'aumento delle polveri sottili. Oltre a questo le vetture di questa tipologia hanno la possibilità di transitare nelle zone a traffico limitato. Questa doppia facilitazione deriva dal fatto che i veicoli ibridi inquinano meno l'ambiente rispetto a quelli tradizionali. · Lo svantaggio principale del quale devono tenere conto gli automobilisti che posseggono una vettura ibrida è quello relativo alla "disattivazione" dei vantaggi dati dal motore elettrico quando la velocità costante aumenta. Infatti, per garantire la batteria, viene attivato automaticamente il motore a benzina e questo fa perdere alcuni vantaggi sia transitando in autostrada che in superstrada. · Il secondo svantaggio è dato dal maggior peso che queste auto hanno, a causa della presenza delle batterie supplementari, e questo aumento di peso richiede il consumo di maggiore energia durante le fasi di marcia. · Per quanto riguarda le batterie, il loro ciclo di vita raggiunge al massimo i 250mila km di percorrenza, dopo i quali è necessaria la sostituzione completa, che comporta anche il corretto smaltimento delle stesse. Inoltre la manutenzione delle batterie deve essere più accurata rispetto alle vetture tradizionali. Le garanzie che coprono questi componenti hanno una durata maggiore, fino a 5 anni e una sostituzione prima di questo periodo avviene molto di rado. · L'ultimo svantaggio da prendere in considerazione quando si acquista un'auto ibrida riguarda la spesa iniziale da sostenere, visto che, nonostante sconti e riduzioni di prezzo possibili grazie agli incentivi, il costo resta ancora maggiore rispetto ad una vettura simile del tipo tradizionale.

PARLA CON UN ESPERTO