27 marzo 2022

Pastiglie dei Freni: Quanto durano e quanto costano

La manutenzione delle pastiglie dei freni è un'operazione di assoluta importanza per la sicurezza stradale e per il buon funzionamento dell'impianto frenante della vettura.

Per avere sempre una vettura al massimo delle prestazioni è opportuno effettuare una manutenzione continua delle varie componenti. Uno degli elementi più importanti nel campo della sicurezza risulta essere, senza ombra di dubbio, l'impianto frenante. Tale sistema, oltre a essere composto dai dischi, comprende anche le pastiglie dei freni, che ricoprono un ruolo fondamentale per l'efficienza in frenata della vettura. In questa ottica, è quindi consigliabile effettuare la sostituzione di tale componente usurata, andando a scegliere tra diversi prodotti che variano per costo, durata e qualità.

In MiaCar.it amiamo le migliori offerte auto, le auto km zero più performanti e le migliori auto usate in vendita, ma siamo con te anche in tutti gli altri momenti della tua vita da guidatore, specie quando la tua auto, dopo tanti anni, ha bisogno di una bella sistemata!

Ecco perché oggi vediamo insieme quanto costano, quanto durano e quando sostituire le pastiglie dei freni.

Come funzionano le pastiglie dei freni?

Le pastiglie sono una componente indispensabile del sistema di frenaggio, anche se molte volte viene ignorata la loro importanza. Infatti, il processo prevede che quando il conducente della vettura pigia il pedale del freno l'apposito pistone stringe le pastiglie dei freni e le spinge verso i dischi. L'attrito tra le due componenti fa in modo che l'automobile possa rallentare la sua corsa o addirittura arrestarla.

Si evince facilmente che se l'elemento in questione non è in ottime condizioni non si è in grado di assicurare una frenata performante, dal momento che se le pastiglie non sono dello giusto spessore non hanno la forza necessaria per andare a rallentare la velocità del veicolo, attraverso il contatto con il disco. Per non avere problemi in questo senso e garantire la massima sicurezza sia al guidatore sia ai passeggeri, è doveroso effettuare una manutenzione costante dell'impianto frenante, andando a sostituire le pastiglie usurate.

Come scegliere le pastiglie dei freni?

Il mercato di questo settore mette a disposizione diverse tipologie di pastiglie, in modo tale da andare ad accontentare le esigenze di tutti gli automobilisti. Per effettuare la giusta scelta è conveniente andare a esaminare tre parametri fondamentali: temperatura di esercizio, coefficiente di attrito, durata delle pastiglie.

Temperatura di esercizio

Tale elemento risulta essere fondamentale per avere una frenata performante e sicura, in quanto se le pastiglie non sono in grado di agire a determinate temperature si potrebbero avere dei seri problemi alla guida. In particolare, si consiglia di optare per modelli che siano capaci di operare in un range compreso tra i 300 e i 350 gradi Celsius, in modo da avere una vettura agile e scattante nel centro cittadino. Se, invece, si desidera installare delle pastiglie dei freni su vetture sportive, che solitamente viaggiano a velocità più sostenute, è opportuno scegliere dei modelli che riescano a supportare temperature di esercizio molto più elevate.

Coefficiente di attrito

In linea generale si può affermare che con un coefficiente di attrito maggiore la capacità frenante delle pastiglie sarà più importante. In tal senso, è doveroso sottolineare che le pastiglie originali riescono ad assicurare delle prestazioni migliori, in quanto lo specifico coefficiente è compreso tra 0,3 e 0,5. I prodotti compatibili, invece, hanno dei valori inferiori, ma è comunque possibile trovare delle pastiglie performanti tra i 0,25 e i 0,35.

Durata delle pastiglie

La durata delle pastiglie è certamente un dato di interesse per l'automobilista, in quanto si è spesso alla ricerca di componenti in grado di ritardare la successiva manutenzione, senza andare a intaccare la sicurezza e le prestazioni. In questo caso, è opportuno prestare particolare attenzione alla frizione che gestisce l'impianto frenante, dal momento che si deve trovare il giusto compromesso, relativo alla morbidezza di esercizio, per avere delle pastiglie sicure e attente ai consumi.

Differenze tra pastiglie originali e compatibili

Uno dei primi dubbi degli automobilisti quando si apprestano alla sostituzione delle pastiglie dei freni riguarda la scelta di modelli originali o compatibili. Senza ombra di dubbio, la prima opzione è sicuramente quella più indicata, in quanto riesce a garantire il massimo dell'affidabilità. Infatti, le officine specializzate installano principalmente questa tipologia di prodotto, dal momento che i rivenditori autorizzati prediligono fornire solo dei ricambi originali.

Ovviamente, alcune volte la scelta può ricadere sulle pastiglie compatibili, visto che tra i due prodotti c'è una considerevole differenza di prezzo. Attuando le giuste ricerche, è possibile trovare sul mercato dei modelli compatibili che hanno delle prestazioni che si avvicinano significativamente a quelle offerte dai pezzi originali. Ad ogni modo, è consigliabile farsi guidare in questa scelta dal proprio meccanico di fiducia, dal momento che è necessario avere le giuste competenze in materia per capire se il prodotto compatibile di riferimento sia capace di soddisfare gli standard minimi di sicurezza e di performance. Infatti, è opportuno specificare che sono presenti in commercio delle pastiglie a prezzi molto bassi che, il più delle volte, non risultano avere i giusti parametri.

Con quali materiali vengono prodotte le pastiglie dei freni?

Per effettuare la scelta migliore nell'acquisto delle pastiglie dei freni da installare sulla propria vettura è opportuno tenere conto del materiale di produzione, oltre che considerare tutti i parametri descritti in precedenza. In linea generale, il mercato mette a disposizione quattro differenti tipologie, ovvero pastiglie in semi metallo, in acciaio, in organica e in ceramica.

Pastiglie semi metalliche

Questa tipologia di prodotto è formato in buona parte da metallo. Per l'esattezza i due terzi della componente sono realizzate con questo materiale e il restante con diversi elementi inorganici. La peculiarità di tale pastiglie sta nella capacità di assorbire il calore, offrendo delle prestazioni di tutto rispetto. Di contro, però, le pastiglie si usurano in maniera eccessiva, a causa della loro particolare durezza.

Pastiglie in acciaio

Le pastiglie in questione, con una percentuale in metallo che si attesta al di sotto del 30%, riescono a garantire una frenata di spessore, caratterizzata anche da un'ottima conducibilità termica. Il prezzo necessario per acquistare tale prodotto è però molto elevato rispetto alle altre tipologie.

Pastiglie organiche

Le pastiglie organiche sono formate da un connubio di più materiali, visto che generalmente sono presenti percentuali di vetro, carbonio e kevlar; in tal caso la presenza del metallo è inferiore al 10%. Le caratteristiche principali di tale prodotto si riscontrano nella silenziosità di azione e nella morbidezza dei materiali. Inoltre, la durata di questa componente è minima, dal momento che si manifesta un'usura importante.

Pastiglie in ceramica

Tale tipologia di prodotto, costituito interamente in ceramica, è sicuramente una delle pastiglie più performanti. Infatti, riescono facilmente ad adattarsi a uno stile di guida sportivo, grazie anche all'alto coefficiente di attrito. In questo caso, il prezzo lievita sensibilmente e, di conseguenza, è consigliabile optare per tale scelta solo se si ha la necessità di disporre di un impianto frenante reattivo e al massimo delle prestazioni.

Quanto costano le pastiglie dei freni?

Il cambio delle pastiglie dei freni non è un'operazione da effettuare ogni anno, dal momento che l'usura di questa componente è legata al numero di chilometri percorsi e alla tipologia di guida adottata. In generale, si può affermare che la sostituzione avviene solitamente ogni quarantamila chilometri, con un costo abbastanza abbordabile, ma ad ogni modo il meccanico di fiducia sarà in grado di esaminare lo spessore e valutare se è necessario installare una nuova componente.

In realtà, anche se non si ha la possibilità di stabilire un prezzo preciso per l'installazione delle pastiglie dei freni, a causa dei numerosi modelli presenti sul mercato, è possibile indicare un costo approssimativo. Il quantitativo economico richiesto per la sostituzione delle pastiglie anteriori si aggira intorno ai 70 euro, mentre quello necessario per la parte posteriore è di 40 euro. Ovviamente, nel conto finale va aggiunto anche il costo della manodopera, che può avere delle variazioni in base all'officina di riferimento.

Infine, oltre a sottolineare il fatto che se si va su prodotti di elevata qualità il prezzo può sensibilmente aumentare, si deve precisare che è di assoluta importanza far effettuare questa operazione da un tecnico specializzato, piuttosto che provvedere alla sostituzione in autonomia, dal momento che il funzionamento dei freni ricopre un ruolo fondamentale nella sicurezza del veicolo e, di conseguenza, dei passeggeri.


PARLA CON UN ESPERTO