31 gennaio 2022

Pedali della macchina: cosa sono e come sono disposti

Vediamo com'è composta la pedaliera di diverse tipoligie di automobili dando anche uno sguardo al futuro di questi comandi così essenziali.

Siamo tutti abituati ai classici tre pedali installati sulle automobili, ovvero quello dell’acceleratore, del freno e della frizione. Tuttavia la diffusione delle auto a cambio automatico ha modificato la classica configurazione e funzione.

Addirittura, le auto più moderne, in futuro, potrebbero arrivare a vedere equipaggiato un solo pedale.

Acceleratore, freno e frizione sono i tre comandi principali che vi danno modo di mettere in movimento la vettura, compiere tutte le manovre necessarie, utilizzare il cambio e arrestare la marcia.

In questo articolo vedremo dettagliatamente quali sono questi pedali, come sono posizionati e come si stanno evolvendo a causa della sempre più capillare diffusione delle automobili ibride e totalmente elettriche.

Come funzionano i pedali dell’automobile

La pedaliera di una comune vettura a cambio manuale è composta da tre pedali con una specifica funzione. Questi sono: l’acceleratore, il freno e la frizione. Come detto in precedenza, i pedali permettono di mettere l’auto in movimento, cambiare i rapporti e frenare.

L’acceleratore è posizionato all’estrema destra della pedaliera e viene utilizzato con il piede destro. Il freno è all’immediata sinistra dell’acceleratore e sarà seguito nella medesima direzione dal pedale della frizione.

La posizione di questi pedali sarà diversa su tutte quelle vetture dotate di cambio automatico. In questo caso infatti sarà reso superfluo il pedale della frizione e per ciò non sarà presente. Al suo posto vi sarà un pedale dedicato al freno, ma di dimensioni maggiori

Differentemente, sulle auto a cambio manuale, è il guidatore a scegliere quando cambiare rapporto. Questi di solito sono cinque, con l’aggiunta della retromarcia. Le prime tre marce possono servire anche per rallentare la vettura utilizzando il cosiddetto freno motore, utilissimo durante la percorrenza di discese più o meno ripide. I successivi due rapporti, il quarto e il quinto, serviranno per accelerare, l’ultimo sarà considerato un rapporto da riposo utile nelle lunghe percorrenze a velocità costante come nel caso dell’autostrada.

Il pedale della frizione, tuttavia, sarà sempre meno necessario con l’evoluzione tecnologica delle automobili. Questo a causa della sempre maggiore diffusione di vetture a trasmissione automatica.

La mancanza della frizione e la presenza degli ADAS (sistemi elettronici di assistenza alla guida), che sono studiati per proteggere il più possibile l’incolumità di passeggeri e conducenti, permettono una guida più confortevole e tranquilla.

Tuttavia, guidare un’automobile manuale sarà maggiormente coinvolgente e faciliterà l’attenzione sul motore da parte dei guidatori più attenti ed esperti.

Perché i pedali sono posizionati con questo ordine

Già dai primi progetti relativi alle prime automobili destinate al mercato di massa, i pedali sono quelli dell’acceleratore, del freno e della frizione, e da sempre stati disposti nell’ordine attuale.
In questo modo si è potuto ridurre il rischio di errori da parte dei guidatori, abituandoli a compiere sempre le medesime azioni su tutte le automobili.

Pedaliera: com’è cambiata una volta introdotto il cambio automatico

Se si possiede un’auto con cambio automatico, i rapporti verranno innestati e scalati automaticamente. Per questo motivo la pedaliera sarà composta da soli due pedali ovvero, l’acceleratore e il freno.

L’automazione, nel settore automotive, osserva una diffusione sempre maggiore. In questo modo il cambio automatico è divenuto indispensabile per rendere possibile in funzionamento dei sensori dedicati alla frenata automatica di emergenza, ai radar e ai computer di bordo in un modo molto più efficiente.

Le auto dotate di trasmissione automatica vedono una trasformazione anche della leva del cambio. Questa solitamente è posizionata a destra del guidatore, o diversamente, vicino al volante. Su questa leva saranno riportare, al posto delle classiche 5 marce più la retro, diverse lettere che indicano le altrettante funzioni di seguito:

  • (parking): Quando la leva è posizionata in questo modo i rapporti sono bloccati, e come conseguenza anche l’automobile. Prima di mettere in moto o spegnere la macchina, un consiglio è quello di assicurarsi che il cambio sia proprio in questa posizione.

  • R (reverse/retromarcia): Questa posizione della leva del cambio assolve chiaramente ad una sola funzione, ovvero all’inserimento della retromarcia.

  • N (neutral/folle): Il cambio posizionato su ‘N’ è utile in tutte le situazioni in cui ci si arresta quando ci si trova nel traffico, ad esempio quando si incontra un semaforo rosso. Diversamente con le vetture manuali la scelta migliore è quella di utilizzare il freno per mantenere l’auto ben ferma.

  • D (drive/in moto): Questa posizione serve a permettere al veicolo di mettersi in movimento. Una volta inserita la modalità ‘drive’ l’automobile passerà automaticamente ai rapporti successivi.

  •  
Per azionare questi rapporti, quando i selettori sono al volante, sarà necessario tirare il comando verso di sé e spostarlo verso il basso. Quando la leva è nella posizione standard, ovvero di fianco al sedile, si dovrà premere un pulsante per rendere possibile lo sblocco della stessa e poterla posizionare dove si ha la necessità.
Per condurre legalmente un’automobile automatica è sufficiente la semplice patente di categoria B. Inoltre la mancanza del comando della frizione renderà la guida decisamente più semplice.

PARLA CON UN ESPERTO