18 aprile 2022

Rilevatore di Stanchezza in Auto: Come Funziona?

Il rilevatore di stanchezza alla guida è un prezioso alleato per chi trascorre molto tempo in auto. Quali sono le caratteristiche di questo dispositivo? Quanti tipi esistono? Qual è il sistema migliore?

Le automobili moderne montano sempre più dispositivi in grado di rendere le vetture maggiormente sicure. Il Sistema Antibloccaggio delle Ruote (ABS), il Programma Elettronico di Stabilità (ESP), le cinture di sicurezza, gli airbag, le carrozzerie auto-deformanti e così via, sono tutti apparati che aiutano e facilitano la guida oppure che riducono i danni alle persone in caso di incidente.

C'è un altro dispositivo particolarmente utile, soprattutto per chi guida per molte ore consecutive: il rilevatore di stanchezza. Questo congegno è stato ideato per suggerire al guidatore di fermarsi e fare una pausa, ma non interviene in alcun caso sulla funzionalità dell'auto (non limita la velocità ad esempio), infatti se il conducente non arresta la sua marcia il dispositivo non farà niente altro che continuare a segnalare di fare una sosta il prima possibile. In pratica emette un avviso di tipo acustico e uno di tipo visivo (in genere una tazzina) per far presente al pilota che è arrivato il momento di fermarsi per un break.

Attualmente esistono due tipologie di questi meccanismi, uno più economico e dalle funzioni molto basilari e l'altro più complesso e costoso. In questo articolo spiegheremo le caratteristiche dei due dispositivi e la loro utilità quando si guida.

Su MiaCar.it ci occupiamo sì delle migliori offerte auto, siano esse una auto nuove, auto chilometro 0 o una macchine usate, ma siamo anche esperti ed appassionati di meccanica, ed oggi vediamo insieme cos'è e come funziona il rilevatore di stanchezza.

LE OFFERTE DEL MOMENTO

Jeep Compass 2.0 Multijet II aut. 4WD Limited Granite Crystal Usato Garantito
Usato Garantito
Jeep
Compass

2.0 Multijet II aut. 4WD Limited

64.650 km - Dicembre 2018
Diesel - Euro 6 - Automatico - 4x4

25.500€
40.250€
Chiavi in mano
risparmi
39%
Distanza: Scopri
ID: 940CZ49
Audi A3 SPB 40 TFSI e S tronic Business Nero Mythos Km 0
Km 0
Audi
A3

SPB 40 TFSI e S tronic Business

Km 0 - Giugno 2021
Plug-in Hybrid - Euro 6 - Automatico

37.490€
46.345€
Chiavi in mano
risparmi
21%
Distanza: Scopri
ID: B70CY7B
Fiat 500X 1.6 mjt Lounge 4x2 Grigio Argento Usato Garantito
Usato Garantito
Fiat
500X

1.6 mjt Lounge 4x2

61.750 km - Gennaio 2017
Diesel - Euro 6 - Manuale

19.180€
28.020€
Chiavi in mano
risparmi
34%
Distanza: Scopri
ID: FG0CZGF
Opel Astra 1.2 Turbo 145 CV S&S Sports Tourer Sovereign Silver Km 0
Km 0
Opel
Astra

1.2 Turbo 145 CV S&S Sports Tourer

Km 0 - Novembre 2020
Benzina - Euro 6 - Manuale

21.140€
29.285€
Chiavi in mano
risparmi
30%
Distanza: Scopri
ID: DE0BSED
BMW Serie 1 125d 5p. Msport Alpinweiss III  Usato Garantito
Usato Garantito
Bmw
Serie 1

125d 5p. Msport

59.000 km - Maggio 2018
Diesel - Euro 6 - Automatico

27.835€
41.300€
Chiavi in mano
risparmi
35%
Distanza: Scopri
ID: X20CZ2X
Volkswagen Golf Variant 2.0 TDI SCR DSG Style Argento Riflesso Usato Garantito
Usato Garantito
Volkswagen
Golf Variant

2.0 TDI SCR DSG Style

46.350 km - Aprile 2021
Diesel - Euro 6 - Automatico

28.280€
40.265€
Chiavi in mano
risparmi
32%
Distanza: Scopri
ID: EV0CYVE
Peugeot e-2008 136 CV Allure Pack Grigio Artense Km 0
Km 0
Peugeot
E-2008

136 CV Allure Pack

Km 0 - Agosto 2022
Elettrico

35.245€
41.670€
Chiavi in mano
risparmi
17%
Distanza: Scopri
ID: 5R0CYR5
CUPRA Formentor 2.0 TSI 4Drive DSG VZ Petrol Blue Usato Garantito
Usato Garantito
Cupra
Formentor

2.0 TSI 4Drive DSG VZ

44.600 km - Febbraio 2021
Benzina - Euro 6 - Automatico - 4x4

44.237€
59.805€
Chiavi in mano
risparmi
28%
Distanza: Scopri
ID: TU0CYUT
Audi A3 Sportback 40 TFSI e S tronic S line edition Blu Navarra Km 0
Km 0
Audi
A3 Sportback

40 TFSI e S tronic S line edition

Km 0 - Giugno 2021
Plug-in Hybrid - Euro 6 - Automatico

46.890€
56.245€
Chiavi in mano
risparmi
18%
Distanza: Scopri
ID: KQ0CYQK
Fiat Tipo 1.0 SW City Sport Nero Km 0
Km 0
Fiat
Tipo

1.0 SW City Sport

Km 0 - Luglio 2022
Benzina - Euro 6 - Manuale

21.650€
26.300€
Chiavi in mano
risparmi
21%
Distanza: Scopri
ID: 4A0CWA4
Lancia Nuova Ypsilon 1.0 firefly hybrid Gold s&s 70cv Grigio Pietra Usato Garantito
Usato Garantito
Lancia
Nuova Ypsilon

1.0 firefly hybrid Gold s&s 70cv

33.800 km - Febbraio 2021
Mild Hybrid - Euro 6 - Manuale

15.035€
19.295€
Chiavi in mano
risparmi
24%
Distanza: Scopri
ID: 4E0CYE4
Peugeot 208 1.6 BlueHDi 75 S&S 5 porte Active Dark Blue Usato Garantito
Usato Garantito
Peugeot
208

1.6 BlueHDi 75 S&S 5 porte Active

78.100 km - Aprile 2019
Diesel - Euro 6 - Manuale

13.400€
18.205€
Chiavi in mano
risparmi
29%
Distanza: Scopri
ID: 9R0CXR9
Seat Arona 1.0 TGI Style rosso Km 0
Km 0
Seat
Arona

1.0 TGI Style

Km 0 - Dicembre 2021
Benzina/Metano - Euro 6 - Manuale

18.497€
28.305€
Chiavi in mano
risparmi
37%
Distanza: Scopri
ID: RA0CVAR
BMW Serie 2 220d act.tourer xdrive Msport Mineral Grey Usato Garantito
Usato Garantito
Bmw
Serie 2

220d act.tourer xdrive Msport

66.750 km - Giugno 2017
Diesel - Euro 6 - Automatico - 4x4

24.190€
45.710€
Chiavi in mano
risparmi
49%
Distanza: Scopri
ID: CL0CVLC
Fiat 500X 2.0 MultiJet 140 CV AT9 4x4 Cross Plus Rosso Passione Usato Garantito
Usato Garantito
Fiat
500X

2.0 MultiJet 140 CV AT9 4x4 Cross Plus

79.200 km - Gennaio 2017
Diesel - Euro 6 - Automatico - 4x4

19.160€
31.470€
Chiavi in mano
risparmi
41%
Distanza: Scopri
ID: J90CR9J
Volvo V40 1.6 d2 Summum raw copper Usato Garantito
Usato Garantito
Volvo
V40

1.6 d2 Summum

67.800 km - Gennaio 2013
Diesel - Euro 5 - Manuale

16.685€
35.550€
Chiavi in mano
risparmi
55%
Distanza: Scopri
ID: RN0C7NR
Subaru Impreza 2.0i Lineartronic MHEV Premium Crystal White Pearl Da immatricolare
Da immatricolare
Subaru
Impreza

2.0i Lineartronic MHEV Premium


Mild Hybrid - Euro 6 - Automatico - 4x4

30.200€
36.800€
IPT esclusa
risparmi
18%
Distanza: Scopri
ID: WN0CNNW
Mitsubishi Outlander 2.4 MIVEC 4WD PHEV Instyle Plus Titanium Grey Km 0
Km 0
Mitsubishi
Outlander

2.4 MIVEC 4WD PHEV Instyle Plus

Km 0 - Dicembre 2020
Plug-in Hybrid - Euro 6 - Automatico - 4x4

39.500€
52.200€
Chiavi in mano
risparmi
26%
Distanza: Scopri
ID: NU0BTUN
Mercedes Classe C SW 220 d Executive auto Argento Iridio Usato Garantito
Usato Garantito
Mercedes
Classe C

SW 220 d Executive auto

53.000 km - Giugno 2017
Diesel - Euro 6 - Automatico

26.670€
46.167€
Chiavi in mano
risparmi
44%
Distanza: Scopri
ID: 330CU33
Lancia Nuova Ypsilon 0.9 Ecochic Metano Silver 70cv Nero Vulcano Km 0
Km 0
Lancia
Nuova Ypsilon

0.9 Ecochic Metano Silver 70cv

Km 0 - Luglio 2021
Benzina/Metano - Euro 6 - Manuale

16.000€
19.650€
Chiavi in mano
risparmi
21%
Distanza: Scopri
ID: FH0C7HF
BMW Serie 5 530e Msport auto Carbon Black Usato Garantito
Usato Garantito
Bmw
Serie 5

530e Msport auto

76.550 km - Marzo 2018
Plug-in Hybrid - Euro 6 - Automatico

37.750€
78.980€
Chiavi in mano
risparmi
53%
Distanza: Scopri
ID: 6E0CUE6
Jeep Renegade 1.6 Mjt 120 CV Limited Glacier Usato Garantito
Usato Garantito
Jeep
Renegade

1.6 Mjt 120 CV Limited

60.950 km - Aprile 2017
Diesel - Euro 6 - Manuale

19.840€
27.650€
Chiavi in mano
risparmi
31%
Distanza: Scopri
ID: 7Q0CYQ7

Funzionamento del rilevatore di stanchezza

Le due varietà di dispositivi per rilevare la stanchezza alla guida svolgono la funzione di base di avvisare il conducente di aver raggiunto un limite di affaticamento che potrebbe pregiudicare la reattività necessaria. Quello che cambia è la modalità di funzionamento e cioè in base a che cosa decidono che è arrivato il momento di fermarsi e prendere una boccata d'aria. Vediamo nello specifico come funzionano.

Il primo dispositivo che analizziamo è quello più economico, il suo costo è di qualche decina di euro. Si tratta di un rilevatore di stanchezza a tempo, come si evince dal nome è un'attrezzatura che basa le sue rilevazioni secondo la durata della marcia.

In concreto viene misurato il tempo dal momento in cui il motore viene avviato fino a che non si spegne. Il computer attiva un timer quando si inizia il viaggio e dopo un determinato periodo di tempo, che in genere oscilla tra i 90 e i 120 minuti, emette un segnale acustico e, contemporaneamente, appare sul display una spia luminosa raffigurante una tazzina fumante (proprio a indicare che è il momento di fare una pausa).

Il funzionamento di questo dispositivo è molto semplice e non si basa su una rilevazione concreta della stanchezza, ma agisce seguendo una supposizione, ossia che dopo un'ora e mezza-due di viaggio il guidatore possa aver bisogno di fermarsi per recuperare la concentrazione ma anche solo per sgranchirsi un po' le gambe.

Una volta che l'auto si è fermata ed è stato spento il motore il timer si azzera e ripartirà nel momento in cui si riprende la marcia. Dato che questo tipo di rilevatore di stanchezza non misura il tempo di sosta è possibile anche solo spegnere e riaccendere il motore per far ripartire il cronometro.

Il secondo genere di rilevatore di stanchezza si basa su una tecnologia un po' più complessa poiché rileva la stanchezza reale di chi guida, a prescindere dal tempo trascorso dal momento della partenza. È ovvio che un congegno più tecnologico è anche più costoso, ma la scelta non deve basarsi solo su un mero discorso di prezzi.

Il sistema fonda il suo funzionamento su dei sensori atti ad accertare una serie di segnali provenienti dal guidatore. In pratica viene controllato costantemente il volto del conducente: i sensori identificano i movimenti del viso individuando quegli atteggiamenti che sono indice di stanchezza come gli sbadigli. Inoltre hanno anche un sistema che rileva il battito delle palpebre per capire se c'è un affaticamento degli occhi e se il grado di attenzione sta calando. Alcuni modelli includono un pacchetto di rilevazione del cambio improvviso di carreggiata attivando una segnalazione se viene individuato un repentino movimento verso la corsia opposta senza aver attivato gli indicatori di direzione.

Appare chiaro che questo sistema è più fedele alla realtà captando l'effettiva condizione del guidatore. È possibile infatti che il conducente si affatichi anche prima del tempo previsto dal dispositivo descritto poc'anzi, ma è altrettanto vero che anche dopo due ore di viaggio il grado di attenzione possa essere ancora alto. Tutto dipende dalle condizioni del traffico, dal tipo di tragitto, dalla eventuale stanchezza già accumulata prima di mettersi al volante ecc.

I sistemi idonei a rilevare la stanchezza alla guida sono in continua evoluzione e già oggi è possibile spaziare tra modelli tecnologici con diverse capacità di rilevamento.

Oltre agli ormai classici braccialetti che si interfacciano con il sistema dell'automobile per inviare dei segnali acustici o vibrazioni, esistono delle telecamere interne in grado di leggere i movimenti del capo del guidatore. In base all'inclinazione della testa, alla direzione dello sguardo e alla reattività dei movimenti il computer di bordo elabora una eventuale anomalia ed emette un segnale acustico in grado di richiamare l'attenzione del conducente. Alcuni esemplari hanno anche una marcia in più, possiedono un sistema capace di rilevare la gravità delle condizioni di rischio ed inviare una chiamata a un parente o un amico (in base a come lo si imposta) per segnalare la situazione del viaggiatore alla guida.

Ogni quanto tempo fermarsi e perché

Quando si intraprende un viaggio che prevede molte ore alla guida è bene fare delle soste lungo il percorso. Le norme del Codice della Strada impongono ai conducenti di autocarri e di autobus un numero massimo di ore di guida al giorno ed anche un minimo di tempo dedicato alla pausa. I camionisti possono guidare fino ad un massimo di nove ore giornaliere e devono effettuare una pausa di 45 minuti dopo quattro ore e mezza di marcia, la pausa può essere suddivisa in due pause da 15 minuti più 30.

Per quanto riguarda le automobili non sono previsti dei limiti di tempo alla guida né una lunghezza minima per la durata della pausa. Questo perché in genere i viaggi in auto che durano più di nove ore al giorno vengono effettuati una tantum, mentre i camionisti e i conducenti di bus percorrono quotidianamente lunghi tragitti. Gli automobilisti dunque devono affidarsi al buonsenso.

In genere è consigliabile effettuare un break ogni due ore. Fermarsi durante un viaggio aiuta a risvegliare l'attenzione, la quale tende a calare quando si effettuano attività alquanto statiche e ripetitive per un lungo periodo, ma è utile anche per ridurre il carico cui sono sottoposti i muscoli e le ossa di gambe e schiena. La posizione assunta durante la guida non è molto felice per la schiena in particolare, con ripercussioni anche a carico degli arti inferiori. Stare seduti tante ore comporta un lavoro per i muscoli dorsali, per le cosce e per le braccia. La continua tensione di questi tessuti tende a sviluppare delle infiammazioni che possono interessare alcuni dei tendini e le articolazioni si intorpidiscono se si mantiene la stessa posizione prolungatamente.

Lo stress cui è sottoposto il fisico del guidatore deriva altresì dal tipo di percorso, è ovvio che guidare in autostrada, con poco traffico e a una velocità moderata, è più leggero rispetto al condurre un veicolo su strade tortuose, magari con un manto stradale non eccellente. Un altro fattore di stress sono le condizioni atmosferiche e il momento della giornata scelto per viaggiare.

La pausa dunque rappresenta un momento di recupero delle facoltà sia fisiche che mentali per riprendere la marcia in tutta sicurezza.

In conclusione il rilevatore di stanchezza alla guida si rivela essere un vero alleato, soprattutto per chi effettua lunghi viaggi, ma anche per chi percorre giornalmente qualche ora al volante, magari per ragioni legate al lavoro. Spesso ci serve un input che ci costringa a renderci conto che è arrivato il momento di una sosta.


PARLA CON UN ESPERTO